Ex SS 131 Km 10.500, - 09028 Cagliari Italy

11 aprile 2018

La chiave unica di accesso alla Pa da oggi apre anche il cassetto fiscale

Il Sistema pubblico di identità digitale presenta una importante novità: la chiave unica di accesso alla Pa apre da oggi anche il cassetto fiscale consentendo l’attivazione dei servizi online di oltre 4mila Pubbliche Amministrazioni

Registrare un contratto di locazione, consultare i dati catastali, visualizzare la propria posizione nel cassetto fiscale diviene ancora più semplice grazie al Sistema pubblico di identità digitale (Spid). La ragione è molto semplice: grazie al provvedimento firmato oggi dal direttore di Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, con la collaborazione e il supporto del partner tecnologico Sogei, anche i servizi web del Fisco divengono accessibili con la chiave unica di accesso alla PA. Un unico identificativo, quindi, per iscrivere i figli a scuola, prenotare una visita in ospedale, richiedere il Bonus Mamma, registrare un contratto di locazione, presentare la dichiarazione precompilata. E molto altro.

Il sistema, inoltre, non consente la profilazione garantendo così la protezione dei dati personali, un importante aspetto al quale gli utenti guardano con grande interesse, all’indomani degli eclatanti fatti rimbalzati recentemente sulle cronache internazionali per la totale mancanza di rispetto della privacy di alcuni colossi del web e la trafugazione di dati personali di milioni di persone.

Come ottenere le credenziali di accesso alla Pa web. Per ottenere Spid basta aver compiuto 18 anni ed avere un documento di riconoscimento, la tessera sanitaria con codice fiscale, un indirizzo e-mail valido e un numero di telefono. Bisogna registrarsi a scelta, sul sito di uno degli 8 gestori di identità digitale (Aruba, Infocert, Poste, Sielte, Tim, Register.it, Namirial, Intesa) e seguire i vari step per l’identificazione. Il livello di sicurezza adottato (Spid Livello 2) corrisponde ad un’autenticazione forte a due fattori (password e PIN “dinamico”, ossia che cambia sempre ad ogni accesso), ed è lo stesso già implementato in fase di autenticazione ai servizi “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”.


 

La chiave unica di accesso alla Pa da oggi apre anche il cassetto fiscale