Ex SS 131 Km 10.500, - 09028 Cagliari Italy

05 aprile 2018

Quali sono i migliori condizionatori 2018? Marche e modelli, detrazioni e prezzi … quale a

Migliori Condizionatori / climatizzatori 2018: guida completa su come sceglierli e sulle migliori marche sul mercato.

L’estate sta per arrivare, meglio non farsi trovare impreparati. Se temete il caldo asfissiante e volete giocare d’anticipo è meglio procurarsi un buon condizionatore d’aria. La soluzione più semplice e immediata è l’installazione di un climatizzatore / condizionatore fisso, che rinfreschi l’ambiente in breve tempo e ci permetta di combattere l’afa e l’umidità in estate e che al tempo stesso funzioni come pompa di calore in inverno. I condizionatori con sistema inverter sono i più amati e richiesti poiché regolano il consumo di energia, garantendo un notevole risparmio sulle bollette, dato che raggiungono prima la temperatura richiesta e la mantengono stabile. Per tutto il 2018 è stata proprogato il bonus fiscale (detrazioni irpef, risparmio energetico) per l’installazione di condizionatori o pompe di calore al 50% e non più del 65%.

I climatizzatori svolgono, oltre a raffrescare, l’importante funzione di deumidificare l’aria. Infatti, la sensazione di disagio che proviamo in una calda giornata estiva, è dovuta soprattutto all’elevato tasso di umidità, che limita la traspirazione della pelle.

  • I condizionatori, invece, hanno solo la funzione di raffrescare gli ambienti dove sono installati, senza deumidificare. Ancora se ne trovano in commercio, ma sono sempre meno diffusi.

  • Le pompe di calore, infine, sono apparecchi che svolgono una doppia funzione: raffreddano l'aria in estate e, invertendo il ciclo di funzionamento, la riscaldano in inverno.

Questi tipi di dispositivi, di solito sono costituiti da una unità esterna e da uno o più unità interne dette splits.

Ricordate che ogni stanza ha bisogno del suo split. Non è corretto installare un climatizzatore potente nel corridoio nella speranza che rinfreschi tutte le camere. L’unico risultato sarà quello di prendere colpi di freddo ogni volta che andrai da una stanza all’altra passando per il corridoio, perché sarà l’unico locale ad essere raffrescato.

Prima di segnalarvi le migliori marche e modelli di climatizzatori / condizionatori con i relativi prezzi, vediamo quali aspetti considerare nella scelta del tipo di macchina.

Quale efficienza o rendimento del condizionatore/climatizzatore scegliere, indice SEER?

Un indice molto importante nella scelta del climatizzatore condizionatore è il "SEER": coefficiente di prestazione medio stagionale, EER considerandolo istantaneo, delle macchine frigorifere per la climatizzazione estiva; ma che cos'è? Non è altro che il rapporto tra energia prodotta dal dispositivo per raffrescare e l'energia assorbita dall'impianto elettrico (quanto si consuma); Più è alto questo valore, più si avrà, a parità di "raffrescamento", un risparmio in bolletta.

Per agevolare la comprensione, è stata realizzata una scala alfabetica, dove con A+++ si indica l'elettrodomestico più efficiente e con G quello che consuma di più. Ogni condizionatore presenta sul suo involucro una etichetta che segnala la classe di appartenenza.

Quale regolazione della temperatura scegliere: On/off o inverter?

I climatizzatori on-off hanno una tecnologia molto semplice ed economica, ma hanno un elevato consumo di energia. Il climatizzatore, appena acceso, va subito alla massima potenza e vi resta fino a quando nel locale si è raggiunta la temperatura desiderata. A quel punto si ferma completamente, per poi ripartire alla massima potenza quando la temperatura è cambiata di alcuni gradi centigradi rispetto a quella impostata. I climatizzatori con Inverter, invece, hanno una tecnologia detta "modulante". Il climatizzatore parte alla massima potenza, per poi diminuirla quando ha raggiunto un valore di temperatura prossimo a quello fissato. Da quel momento in poi il climatizzatore impiega solo la minima potenza necessaria a mantenere costante la temperatura, senza però fermarsi.

Come scegliere la potenza del condizionatore / climatizzatore?

Fortunatamente, determinare la potenza necessaria al nostro climatizzatore non è nulla di impossibile.

L'unità di misura utilizzata per il potere refrigerante dei condizionatori è il BTU/h (per i più curiosi è la quantità di calore richiesta per alzare la temperatura di 454 grammi di acqua da 60 a 61 gradi Fahrenheit in un'ora). Prima di tutto, occorre calcolare la superficie della stanza da raffrescare, i mq netti. Poi moltiplicando 340 BTU/h per il mq dell'ambiente otterrete i BTU/h totali necessari:

340 BTU/h x mq= BTU/h necessari. Ad esempio se ho una stanza di 30 mq, i btu necessari saranno 10200 BTU/h (minimo).

Naturalmente è un calcolo di prima approssimazione, ma valdio, difatti dovremmo tener conto anche di altri fattori importanti come l’esposizione solare del locale da riscaldare/raffreddare, il numero di persone che ci soggiornano, l’altezza del soffitto, la tipologia di coibentazione, tipo di infissi e il numero di finestre.

Altri fattori, non di minor importanza, sono: presenza di filtri per purificare l’aria (filtri antiodore, filtri antipolline e filtri antibatterici), grado di silenziosità, funzione deumidificazione per ridurre l’umidità dall’aria mantenendo temperature costanti, la presenza dell’inverter (pompe di calore) per permettere di avere anche la climatizzazione invernale, wi-fi integrato.

Ulteriori consigli sull'installazione.

Colloca lo split nella parte alta della parete. L’aria fredda tende a scendere e si mescolerà più facilmente con quella calda che invece tende a salire. Evita di mettere il climatizzatore dietro divani o tende poiché costituiscono una barriera alla diffusione dell’aria. Assicurati che l’unità esterna all’abitazione non sia colpita dai raggi diretti del Sole e esposta troppo alle intemperie. Vediamo i fattori da prendere in considerazione nella scelta del condizionatore / climatizzatore / pompa di calore:

Qual'è il costo o prezzo di un climatizzatore o condizionatore?

Il costo dei condizionatori d'aria fissi varia naturalmente tra un minimo e un massino in base a marche e caratteristiche, in genere dai circa 1500 € dei modelli in fascia medio alta ai circa 700 € delle marche note ma più economiche. Il costo medio per tali marche si aggira intorno ai 700-1000 €, montaggio escluso o incluso a seconda del negoziante e delle offerte promozionali. Tuttavia, non sempre il prezzo è un indicatore di qualità. Per quanto riguarda i condizionatori economici, o "low cost", a volte bastano solo 300 € per acquistare un condizionatore, tuttavia non sarà a risparmio energetico e può riservare altre "sorprese".

Per quanto riguarda i condizionatori d'aria portatili, un dispositivo da 12000 Btu/h può costare intorno ai 650 €, ma se si va sulle marche minori il prezzo scende fino ai 250 €. Per quanto riguarda la manodopera? Ad esempio, l'installazione di un condizionatore dual composto da un compressore esterno e due split interni costa, come minimo, 350 € per mano d'opera e materiali. Naturalmente, il costo / prezzo aumenterà all'aumentare della classe verso l' A+++.

Quali sono i migliori condizionatori 2018? Marche e modelli, detrazioni e prezzi … quale a