Ex SS 131 Km 10.500, - 09028 Cagliari Italy

19 gennaio 2018

Ristrutturazione impianti sportivi: scopri SUBITO come migliorare stadi e palestre

Ristrutturazione impianti sportivi: un credito d’imposta in favore delle imprese che effettuano erogazioni liberali in denaro destinati ad interventi di restauro e o ristrutturazione di impianti sportivi

La Legge di Bilancio 2018 (art. 1, co. 363-366) ha introdotto una specifica misura, finalizzata a favorire il recupero del patrimonio edilizio sportivo pubblico, che riconosce un credito d’imposta in favore delle imprese che effettuano erogazioni liberali in denaro destinati ad interventi di restauro e o ristrutturazione di impianti sportivi - cd. "bonus sport".

Pacchetto Sport nella Legge di Bilancio 2018: crediti di imposta per ristrutturazioni ed erogazioni liberali, nuove società per fini di lucro e nuove franchigie IRPEF.

Tra i Bonus previsti dalla nuova Legge di Bilancio arriva anche l’ampliamento di quello previsto per il settore dello sport. Nella Legge di Bilancio 2018 è infatti stato inserito un Pacchetto Sport con misure in favore di questo settore. La legge di Bilancio 2018 prevede un credito d’imposta concesso in favore delle imprese dello sport che avviino progetti di ammodernamento impianti calcistici (Comma 352) nel caso in cui si tratti di società appartenenti:

  • alla Lega di serie B;
  • alla Lega Pro;
  • alla Lega nazionale dilettanti.

Il credito è pari al 12% dell’ammontare degli interventi di ristrutturazione degli impianti, fino ad un massimo di 25.000 Euro, e viene concesso nel rispetto dei limiti previsti dal regolamento UE 14097/2013 del 18.12.2013 relativo agli aiuti de minimis. Per l’attuazione di questa misura bisognerà attendere l’apposito decreto da emanarsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018.

Bonus ristrutturazione impianti pubblici

La Legge di Stabilità 2018 prevede agevolazioni sotto forma di credito di imposta anche in caso di erogazioni liberali finalizzati alla ristrutturazione di impianti sportivi pubblici (Commi 363-366), anche se destinati ai soggetti concessionari. L’agevolazione viene concessa alle erogazioni liberali in denaro fino a 40.000 Euro effettuate nel corso del 2018, il credito di imposta sarà pari al 50% delle erogazioni effettuate, nel limite del 3 per mille dei ricavi annui, ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione in 3 quote annuali di pari importo. Il credito non rileva ai fini delle imposte sui redditi e dell’IRAP.

I soggetti beneficiari delle erogazioni liberali dovranno effettuare i seguenti adempimenti:

  • comunicare all’Ufficio per lo Sport, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’ammontare delle somme ricevute e la loro destinazione;
  • comunicare all’Ufficio per lo sport lo stato di avanzamento lavori entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di erogazione e fino all’ultimazione dei lavori di ristrutturazione.

Disposizioni attuative dovranno essere definite con apposito decreto da emanarsi entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018.

Ristrutturazione impianti sportivi: scopri SUBITO come migliorare stadi e palestre